La lesione della cuffia dei rotatori della spalla

DEFINIZIONE E DESCRIZIONE

Non esiste una definizione esatta di un massivo strappo della cuffia dei rotatori. A volte la gravità è espressa dal numero di tendini che sono strappati, a volte dalla dimensione della lesione.

Lädermann et al. parla di uno strappo della cuffia dei rotatori quando almeno due tendini sono completamente strappati. Accanto al numero di tendini strappati, almeno uno dei due tendini deve essersi ritirato oltre la sommità della testa dell’omero.

Secondo Collin et al. queste lesioni della cuffia dei rotatori possono essere ulteriormente divise in 5 categorie.

  1. Tipo A: lesione sovraspinato e sottoscapolare superiore
  2. Tipo B: lesione sovraspinato completa del  sottoscapolare
  3. Tipo C: lesione sovraspinato, sottoscapolare superiore e infraspinato
  4. Tipo D: lesione sovraspinato e infraspinato
  5. Tipo E: lesione sovraspinato, infraspinato e piccolo rotondo
 
Altri autori parlano di uno strappo della cuffia dei rotatori che coinvolge uno o più dei quattro tendini che costituiscono la cuffia dei rotatori.
Il tendine più colpito è quello del M. sopraspinato.
Esistono numerosi sistemi di classificazione utilizzati per descrivere le dimensioni, la posizione e la forma delle lesioni della cuffia dei rotatori.
Più comunemente le lesioni sono descritte come a dimensione parziale o totale.
Cofield (1982) ha sviluppato un sistema di classificazione comunemente citato per le lesioni complete della cuffia dei rotatori.
Il sistema di classificazione è:
  1. Lesione piccola: meno di 1 cm
    2.Lesione media: 1-3 cm
    3.Lesione grande: 3-5 cm
    4.strappo massivo: superiore a 5 cm.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *