L’ANGOLO DI COBB

L’ANGOLO DI COBB

A cura di Emanuele Di Ciaccio

 

L’osservazione delle curve scoliotiche sul piano frontale è la più diffusa, poiché la deformazione è più visibile su questo piano.

L’angolo di Cobb, descritto dal dottor John Cobb nel 1948, è utilizzato per quantificare la deformazione sul piano frontale.

Per misurare l’  angolo di Cobb, è necessario individuare le vertebre limitanti superiori ed inferiori, che sono le vertebre più inclinate della curva 1 .

Le tangenti sono tracciate a partire dal piatto superiore della vertebra limitante superiore e dal piatto inferiore della vertebra limitante inferiore. Viene misurato l’angolo tra le due linee, dove si intersecano.

Nei casi in cui le linee non si intersechino sulla rx, possono essere tracciate altre due linee, ciascuna ad angolo retto rispetto alle righe precedenti. 2

LIMITI DELL’ANGOLO DI COBB:

  • variazione intraosservatore e interosservatore (variazione di almeno 5-10 °)
  • rotazione: una rotazione minore dei pazienti tra un esame e l’altro può modificare in modo significativo le misurazioni (può arrivare fino a 20 ° di variazione); deve quindi essere ottenuto un posizionamento coerente
  • variazione diurna: nello stesso paziente nello stesso giorno, la curvatura aumenta durante il giorno (variazione di ~ 5°)3

Questo e molti altri contenuti nel Corso Superiore Scoliosi

che si terrà a Milano 11 al 14 settembre 2018

Docente Emanuele Di Ciaccio 

organizzato da AIRPG in collaborazione con la 

Université Internationale Permanente de Thérapie Manuelle UIPTM di Philippe E. Souchard

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFO

1 Measuring procedures to determine the Cobb angle in idiopathic scoliosis: a systematic review.  Langensiepen S, Semler O, Sobottke R, et al. European Spine Journal. 2013;22(11):2360-2371. doi:10.1007/s00586-013-2693-9.

2 Scoliosis Imaging: What Radiologists Should Know Hana Kim, Hak Sun Kim, Eun Su Moon, Choon-Sik Yoon, Tae-Sub Chung, Ho-Taek Song, Jin-Suck Suh, Young Han Lee, and Sungjun Kim RadioGraphics 2010 30:7, 1823-1842

3 Variation in Cobb angle measurements in scoliosis. E. Pruijs, M. A. Hageman, W. Keessen, R. van der Meer, J. C. van Wieringen Skeletal Radiol. 1994 Oct; 23(7): 517–520.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *