IL TEST DI DISTRAZIONE DEL COLLO E LA RPG-Souchard

Il test di distrazione del collo (Neck Distraction Test) è anche noto come test di trazione manuale assiale ha una  sensibilità pari al 40-43% e una specificità pari al 100%. Per la RPG-Souchard il risultato di alcuni studi, condotti su questo test, è una conferma di  come questo gesto, così comune durante le sedute terapeutiche di RPG-Souchard, produca un alleviamento sintomatologico oltre che in generale anche in particolare in caso di radicolopatia.

Per eseguire il test di distrazione, l’esaminatore pone una mano sotto il mento del paziente e l’altra mano intorno all’occipite, quindi traziona lentamente la testa del paziente con una forza di trazione assiale che arriva gradualmente fini a circa 10 Kg circa. Il test è classificato come positivo se il dolore è alleviato o diminuito quando la testa viene distratta, indicando che la pressione sulle radici nervose è stata ridotta.

La distrazione del collo viene comunemente eseguita in posizione supina in presenza di sintomi radicolari. Un test positivo è indicato da sollievo o diminuzione dei sintomi radicolari. Viikari-Juntura hanno concluso che l’affidabilità inter-esaminatore del Neck Distraction Test è “buona”. Nel suo studio prospettico è stata applicata una forza di trazione fino a 10 Kg circa e gli autori concludono che il test di trazione manuale assiale è altamente specifico per il dolore radicolare e per i segni neurologici e radiologici di radicolopatia da sofferenza discale cervicale.

Takasaki ed altri a mezzo di studi con risonanza magnetica, hanno notato un aumento dell’area della sezione trasversale del forame fino a circa il 120%,  usando il Neck Distraction Test con 10 Kg circa di forza di trazione nella posizione supina.

Takasaki H, Hall T, Jull G, Kaneko S, Iizawa T, Ikemoto Y. Tong et al. The influence of cervical traction, compression, and spurling test on cervical intervertebral foramen size. Spine (Phila Pa 1976). 2009 Jul 15;34(16):1658-62.

Viikari-Juntura E, Porras M, Laasonen EM. Validity of clinical tests in the diagnosis of root compression in cervical disease. Spine 1989; 14:253-257.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *